Giuseppe era un ragazzo di 17 anni. Il 23 febbraio del 2021 un terribile incidente stradale lo ha strappato alla famiglia.  Il 28 ottobre avrebbe compiuto 18 anni.

Era un ragazzo che si impegnava nello studio e aiutava i compagni in difficoltà. Era un ragazzo che amava lo sport e gli animali.  Infatti con la nonna ed il papà faceva lunghe passeggiate per scoprire nuove piante e piccoli animaletti. Rispettava l’ambiente e faceva di tutto affinché anche gli amici rispettassero il dono del creato. Giuseppe amava la fotografia: dalle immagini sacre, agli animali, le chiese e con tanta dolcezza e spontaneità faceva selfie che poi raccontava sui social. Spesso fotografava immagini di Padre Pio, di Gesù, della Madonna indicando la descrizione dettagliata del soggetto fotografato.  Un vero esempio per i suoi coetanei che purtroppo si allontanano con monta facilità da Dio per intraprendere strade e stili di vita sbagliati.

Mamma Caterina, dopo la sua morte sogna Padre Pio. Nel sogno si trovata, con la sorella difronte ad un grande piazzale recintato. Poi la sorella scompare e alla sua destra c’è la figlia di 9 anni. All’interno del recinto c’è Padre Pio che aveva in mano un libro bianco con dei disegni di animaletti. Padre Pio mentre guardava la figlia con un atteggiamento protettivo e con una voce “grossa”, quasi da fare tremare, le chiede se avesse mai parlato dell’arca di Noè alla figlia. Mamma Caterina non risponde perché  impaurita. Poi prese coraggio e rispose di sì precisando che aveva parlato dei conigli.

Ad un certo punto Caterina entra nel recinto, ma la figlia e Padre Pio non li vede più. Scorge però all’interno del piazzale una suora vestita di bianco seduta a una scrivania con una penna e un libro. Sembrava una sorta di usciere che annotava chi entrava in quel luogo. Poi si intravedeva quel luogo. Dove il 23 febbraio è morto Giuseppe. Mamma Caterina comincia a camminare a destra, salendo verso il luogo dove è morto il figlio: “era tutto bianco sia la montagna sia il camion. Io avevo paura perché lo stesso camion veniva verso di me, allora io ho cercato di mettermi in salvo salendo su dei cartoni bianchi. Proprio qui è apparso di nuovo Padre Pio, mi ha dato un libro con la copertina nera e io allora mi sono sentita felice e sono tornata in dietro e alla mia destra c’era una donna vestita di bianco come una suora. Mi sono guardata io e mi sono vista vestita come quella donna, ero vestita di bianco come una suora. Eravamo uguali e felici, sorridenti e avevano un libro in mano. Ho guardato in basso e ho visto che i nostri piedi non toccavano a terra, sembrava che scendessimo volando. Ci guardavano sorridenti eravamo felici e andavamo verso l’ingresso. Quando mi sono svegliata mi è sembrato di aver vissuto veramente questa sogno, sembrava cosi vero!”

Padre Pio in sogno ha rassicurato Caterina e l’ha aiutata a rafforzare la sua fede in un momento cosi difficile.

riproduzione riservata

Raccontaci la tua testimonianza: devoti@devotidipadrepio.it

DONA ORA

Aiutaci a far crescere i nostri progetti

COORDINATE BANCARIE ASSOCIAZIONE DEVOTI DI PADRE PIO

Intestatario conto: Associazione Devoti di Padre Pio
Banca: Banca Etica
IBAN: IT10Y0501804000000016956443

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.