Federico ed il papà gestivano un distributore di carburanti da sei anni. Nel maggio 2015 decidono di chiudere e vendere. Una persona era interessata all’acquisto ma non aveva tutta la somma, ma rassicurò i proprietari che suo padre lo avrebbe aiutato nel saldo finale nel mese di giugno. I due vendono l’attività nell’attesa della somma finale.

Un mese prima di cedere la gestione Federico trova nel piazzale del distributore una foto di Padre Pio con una scritta: “nel malato c’è Cristo, nel malato povero c’è Cristo due volte”. Federico la raccolse e la mise in tasca senza farci tanto caso e poi la lasciò sulla sua scrivania. Da premettere che Federico conosceva Padre Pio ma non aveva mai approfondito la sua storia.

A giugno il padre dell’acquirente contestò a suo parere l’eccessivo prezzo di acquisto e decise di pagare solo una parte. Federico ed il papà si ritrovano senza lavoro e con 45000 euro di debiti. Come fare a pagare quel debito? Federico era disperato e si ritrovò nella sua stanza con quella foto di Padre Pio: “mi sentii che qualcuno mi rassicurava, nonostante la situazione fosse drammatica”. Due mesi dopo mentre Federico era disteso sulla panchina di casa sua vede tra le nuvole, in cielo, un volto di un uomo con la barba,  simile a Padre Pio.

In quella stessa settimana Federico ha trovato un lavoro e si è rimesso a studiare mentre il papà, una settimana più tardi venne chiamato a lavorare in una azienda agricola: “grazie a Dio e a Padre Pio, piano piano, abbiamo finito di pagare i debiti con le banche e sono passati quei momenti bui e tristi“.

La preghiera di Federico oggi va a Dio e all’intercessione di Padre Pio per tutte le persone che sono in difficoltà economiche e che oggi non riescono ad andare avanti.

Raccontaci la tua testimonianza: devoti@devotidipadrepio.it

 

DONA ORA

Aiutaci a far crescere i nostri progetti

COORDINATE BANCARIE ASSOCIAZIONE DEVOTI DI PADRE PIO

 

 

Intestatario conto: Associazione Devoti di Padre Pio
Banca: Banca Etica
IBAN: IT10Y0501804000000016956443

Un pensiero su “Eravamo disperati. Padre Pio ci ha salvati”
  1. Vorrei comunicare di un ‘ apparizione avvenuta nel mese di aprile 2022 a casa mia in giardino. Tutto nasce da un ricovero di mia figlia dacefdetture il giorno seguente al bambino gesu’ . Siamo a vibo valentia 4/5 giorni prima facciamobanalisivalla bambina tutti sballati, consultiamo il professor de genedetti reumatologia bambini gesu e ci inviata ad andare subito a Roma, prima di partire mi r eco da mamma natuzza e mi appare un immenso arcobaleno. Nel frattempo mentre mia moglie da da mangiare a mia figlia, in giardino appare una luce rossa prontamente fotografata da mio figlio ed eccolo ….padre pio e un altro Monaco unl difronte all altro. Andiamo a Roma ripeto analisi tutte negative. ….miracolo? Solo padre pio lo sa. Allego mio numero 3478050880

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.